.
Annunci online

Pharmamusic show #16
post pubblicato in Pharmamusic, il 16 marzo 2010


La rubrica musicale del Blog jimmypec - a cura di Umberto Cervigni

 

 

 " Dicono che sia un fossile, ed è confortante: gli altri con cui cantavo sono tutti morti ". Questa, una delle rarissime canzoni dei Beatles, rallentata.. Joe, animale addolcito dal tempo, ha sempre cantato canzoni d'amore con la formidabile catarrosità della sua voce.

 

 

 

 

Vedi anche:



continua
Pagani docet
post pubblicato in jimmypec, il 1 marzo 2010




Vivendo con gente proveniente da tutte le parti del mondo ti rendi conto di come ogni popolo, ogni cultura veda diversamente la tua. Gli italiani non sono pizza, spaghetti e mandolino per tutti, non sono neanche berlusconi e mafia. Ogni cultura filtra la nostra attraverso le proprie sedimentazioni storiche, il proprio linguaggio, la propria musica...

Stendiamo un velo pietoso sulla cultura musicale e sui gusti musicali dei giovani olandesi. Noto, per inciso, qualche affinità d'ignoranza cogli australiani, ma purtroppo ho un ristretto campione da analizzare, spero che non siano rappresentativi. Spero di aver preso quella parte del campione che non capisce assolutamente niente di musica e che incontri l'altra metà al più presto.

Concordo pienamente col discorso musicale-industriale-radiofonico che faceva Mauro Pagani giovedì scorso ad annozero: in sostanza spiegava che bisogna insegnare la musica a tutti i bambini, perchè la musica è la seconda lingua parlata da ogni nazione. Giustamente, aggiunge Pagani, bisogna dare ai ragazzi gli "strumenti critici" (ecco di ciò che hanno paura i potenti) per poter capire qual'è la musica di qualità e qual'è invece il mero prodotto industriale-discografico. 

Leggere e scrivere sono strumenti critici che acquisiamo da bambini per poter comprendere il mondo e per poter comunicare. Se sappiamo leggere, riusciamo a capire la differenza che intercorre tra un messaggio scritto di saluto, ed un messaggio scritto di pericolo(ci potrebbe anche salvare la vita). Se oltre a saper leggere abbiamo anche letto un pò di libri, magari, non è detto, ma è molto probabile che riusciamo a capire la differenza tra "Donne di cuori" di Bruno Vespa e "La scomparsa dei fatti" di Marco Travalgio, tanto per fare un esempio. O anche tra le poesie di Bondi e quelle di Giacomo Leopardi, per farne un'altro.
Se fin da bambini imparassimo a conoscere, a capire ed infine ad esprimerci con la musica, magari, non è detto, ma è molto probabile che riusciremmo a capire la differenza che passa tra Marco Carta e i Led Zeppelin. 

In sostanza se uno è ignorante in fatto di musica si prende quello che passa il convento(in questo caso le case discografiche) senza cercare nè un'alternativa valida(musica indipendente o underground che si voglia), ma soprattutto senza potersi nemmeno creare una propria alternativa(creare una band, o comunque scrivere canzoni). 
Parallelamente se uno è ignorante, male informato, senza gli "strumenti critici" della politica, si prende quello che passa il convento(in questo caso i partiti), senza cercare un'alternativa valida(ad esempio l'Italia dei valori), senza tantomeno potersela creare(l'unico che ha potuto creare una vera alternativa è Beppe Grillo, ma le sue sono condizioni non comuni agli altri cittadini).

Se un giorno diventerò ministro della cultura l'insegnamento della musica alle scuole inferiori sarà uno dei primi provvedimenti, caro Pagani. Fin'allora dovremo tenere alta la guardia, parlare con la gente(anche con chi non ci capisce niente), spargere il più possibile i semi della buona musica. Io lo sto facendo nel mio piccolo insieme ad un grande. Il Pharmamusic è l'appuntamento settimanale del Blog per mettere la pulce nell'orecchio alla gente, per cercare di far avvicinare più gente possibile alla buona musica, o far appassionare qualcuno nel suonare uno strumento. Non voglio sostituire una rubrica di un Blog a tutte le mancanze istituzionali in materia di musica, ma piano piano, con l'aiuto di tutti riusciremo a riempire questo vuoto con buone note.

P.s. Il Pharmamusic di domani è casualmente in sintonia con ciò che stiamo chiedendo...change!


Vedi anche:



Pharmamusic Show #8
post pubblicato in Pharmamusic, il 19 gennaio 2010


La rubrica musicale del Blog jimmypec - a cura di Umberto Cervigni


 

Vorrei proporre dall'Album " Yessongs " del 1973 ,," Seen All Good People ",in questo brano, spicca la bellissima voce di Jon Anderson , supportata dal bravissimo Bill Bruford alla batteria , ai grandi virtuosismi di Rick Wakeman alle tastiere, legati dall'irrequieto bassista Squire...penso sia il pezzo, a parer mio,, più significativo dell'opera,,,,senza dimenticare naturalmente" Close to the Edge " che seguirà !!! Saluti..

 

 

 

 

 

 

Vedi anche:


 


continua

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pharmamusic musica yes umberto cervigni

permalink | inviato da jimmypec il 19/1/2010 alle 9:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Pharmamusic Show #4
post pubblicato in Pharmamusic, il 22 dicembre 2009


La rubrica musicale di jimmypec Blog - a cura di Umberto Cervigni

 

Miti che difficilmente si dimenticano !!!! Ci fanno ricordare il pASSATO CON BRANI inossidabili e senza l' ausilio dell'elettronica..Buena combinacion..

 

 

 

 


continua
Pharmamusic Show #3
post pubblicato in Pharmamusic, il 15 dicembre 2009


 La rubrica musicale di jimmypec Blog - a cura di Umberto Cervigni

 

 

BranoDolcissimoAccattivanteTeneroGRRRintoso!!! Mi piace molto suonarlo,,,vado in orbita per la sua semplice ma incisiva ritmica,,e oltretutto e' anche un'innocuo blando sedativo..SAluti cari amici.

 

 


 

 

La grande piccola Giapponesina,,si sta divertendo un mondo !!! Corre,,corre sulla tastiera..instancabile..

 

 

 

 

Vedi anche:


 


 


continua
Pharmamusic Show #2
post pubblicato in Pharmamusic, il 8 dicembre 2009


 

 La rubrica musicale di jimmypec Blog - a cura di Umberto Cervigni 

 

 

Il grande timido,,introverso, fragile Chet..Quando accostava le labbra al suo strumento, cercava di non far rumore,,di non infastidire,,semplicemente emanava calore e costruiva melodie per sognare..Saluti.

 

 

 


 

 

 

E' pur sempre il N.1,,il mago,il fuoriclasse delle bacchette..Erskine sa addomesticare i tamburi,,sono tutti ai suoi ordini, pronti ad emanare dolci suoni.Al dolce tocco delle bacchette..scattano sull'attenti come dei soldati chiamati a combattere !!! Forse lo sto esaltando un po' troppo,,ma sa trasmettere queste sensazioni..Saluti..

 

 

 

 

Vedi anche:

 


 

 


continua
Pharmamusic Show #1
post pubblicato in Pharmamusic, il 2 dicembre 2009


 

 

Da oggi iniziamo un appuntamento settimanale con la musica. Da amante della musica non potevo far mancare una rubrica musicale al mio Blog. Finalmente ho trovato il modo e il "compagno" ideale per intraprendere questa avventura.

 
Mi sono appassionato alle pubblicazioni musicali su Facebook di Umberto Cervigni, e qualche giorno fa gli ho chiesto se aveva voglia di curare una rubrica musicale sul mio Blog. Lui mi ha risposto affermativamente ed anche con troppa modestia. Una volta a settimana pubblicherò un video scelto da Umberto, con un suo commento, riprendendolo direttamente dalle sue pubblicazioni Facebook. 
 
Comincia così una piccola rubrica, senza troppe pretese se non quella di far sentire un pò di buona musica ogni tanto. Vi lascio al primo video scelto da Umberto.
Buona visione e buon ascolto.
 
 
 

Voglio riproporre questo trio di Musicisti,,o meglio Batteristi..Secondo il mio modesto parere, sono le fondamenta di questo nobile strumento,,non suonano ma accarezzano i tamburi,, ricavandone un suono celestiale!!!! Saluti amici..

 

 

 

Vedi anche:

 

 http://www.facebook.com/profile.php?id=1681021096&ref=ts

 

http://www.facebook.com/pages/Jimmypec-Blog/172140109367?ref=mf


continua
Sfoglia febbraio        aprile
il mio profilo
rubriche
links
tag cloud
cerca
calendario
adv